3899286884 | SPEDIZIONI IN TUTTA ITALIA A €6,30, GRATUITE SOPRA I €70 DI SPESA info@lunaestellegiochi.it

Giochi per bambini con ritardo psicomotorio

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Giochi per bambini con ritardo psicomotorio

 

Ritardo Psicomotorio

Con le parole Ritardo Psicomotorio si indivdua la  situazione in cui un bambino non segue i tempi e le tappe di sviluppo attese. Per sviluppo si intende un iter che il bambino dovrebbe seguire, che inizia con il concepimento e prosegue con le naturali fasi successive.
Sappiamo che lo sviluppo della vita intrauterina,sia un periodo di vita importante,  per quello successivo. Un mix di background circostante e fattori biologici evolutivi che ogni specie iaffronta, fa si che si  sviluppi secondo  specifiche caratteristiche genetiche che con la correlazione di fattori ambientali possono facilitare o meno lo sviluppo.

 

Tappe  dello sviluppo

Per quanto riguarda lo sviluppo motorio, secondo la media un bambino è in grado di tenere la testa diritta verso i tre mesi, di stare seduto  a sei , di rotolare e andare a gattoni verso i nove mesi, di alzarsi in piedi e poi fare i primi passi verso i dodici mesi, migliorando  gradualmente le proprie capacità motorie. Dal punto di vista psichico un bambino verso il terzo mese sorride alla vista dei volti, a sei mesi è interessato a oggetti e persone, a otto mesi comincia a reagire con diffidenza alle visite di estranei , a dodici mesi circa iniza ad articolare le  prime parole ed è in grado di interagire con l’ambiente circostante palesando i propri  bisogni con richieste e reagendo agli stimoli ambientali. Nei mesi successivi aumentano le proprie capacità di comprensione della situazione e delle comunicazioni quindi  quella di poter interagire  con vocabolario via via più vasto. La presenza di comportamenti anticipativi di determinate tappe non dovrebbe destare sospetti o preoccupazioni, ma potrebbero farle quelle di ritardo di determinati step , in tal caso si consiglia di riferirsi ad uno specialista dello sviluppo psicomotorio per aver una diagnosi che fughi ogni dubbio o preoccupazione.

Il gioco per bambini con Disturbo Psicomotorio

La funzione del gioco nei bambini è da molti anni argomento per la letteratura pedagogica la quale evidenzia le molteplici funzioni delle attività di gioco nell’età evolutiva.

Il gioco rappresenta infatti uno dei modi privilegiati per esplorare il mondo esterno e quello delle relazioni interpersonali, per sviluppare abilità motorie e cognitive, per sperimentare ruoli, per agire la propria creatività.

E’ evidente come le attività ludiche ricoprano nei bambini disabili le medesime funzioni.

Per questo motivo è dannoso e fuorviante considerare il gioco con i bambini disabili unicamente in un’ottica terapeutica, il gioco rappresenta infatti un’attività spontanea cui tutti i bambini hanno diritto.

Giocare, come comunicare, risponde ad un bisogno intrinseco dei piccoli, non può divenire un mero atto riabilitativo in cui non vengano prese in considerazione le dimensioni della spontaneità e del genuino divertimento.

Data questa premessa va comunque sottolineato come in presenza di deficit sensoriali, cognitivi o motori possa essere molto complesso per i bambini giocare nel medesimo modo dei coetanei.

Questo ordine di problemi può essere parzialmente o del tutto risolto strutturando il setting di gioco in modo da aggirare gli ostacoli specifici posti dalle situazioni di handicap e offrire così ai bambini un maggiore grado di autonomia ed una più ampia libertà nel gioco.Le strategie facilitanti possono riguardare diversi aspetti del contesto di gioco come ad esempio:

  • lo spazio del gioco (luogo chiuso o all’aperto, illuminazione, eventuale piano di lavoro, come ad esempio un tavolo regolabile, posizionamento del materiale, etc.);
  • la postura del bambino;
  • il ruolo del bambino e quello di altri eventuali   partecipanti (bambini o adulti) che possono svolgere una funzione complementare eseguendo attività che il bambino non riesce a fare autonomamente;
  • la scelta dell’attività di gioco (ad es. giochi causa-effetto, costruzione, disegno, manipolazione etc.);
  • la scelta del materiale e/o dei giocattoli

[/vc_column_text][vc_empty_space][vc_row_inner][vc_column_inner el_class=”.woocommerce” width=”1/2″][vc_empty_space height=”50px”][title_nd tag=”h3″ align=”center” title=”VAI ALLA HOMEPAGE”][vc_icon icon_fontawesome=”fa fa-home” color=”orange” align=”center” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.lunaestellegiochi.it%2F||”][/vc_column_inner][vc_column_inner el_class=”.woocommerce” width=”1/2″][vc_empty_space height=”50px”][title_nd tag=”h3″ align=”center” title=”VAI AL NEGOZIO”][vc_icon icon_fontawesome=”fa fa-cart-arrow-down” color=”sky” align=”center” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.lunaestellegiochi.it%2Fshop%2F||”][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vc_empty_space]

[/vc_column][/vc_row]

Scroll Up
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien